sabato , 18 novembre 2017

PERMESSO DI SOGGIORNO AL MIGRANTE CHE FECE ARRESTARE UN RAPINATORE

photo_175934

John Ogah, il cittadino straniero che riuscì ad affrontare e disarmare un rapinatore armato di mannaia facendolo arrestare dai carabinieri davanti a un supermercato a Centocelle, ha ricevuto oggi nel comando provinciale di Roma dei Carabinieri il permesso di soggiorno in Italia.

Il Comandante Provinciale dei Carabinieri di Roma, Gen. Antonio de Vita, questa mattina, presso la caserma di piazza S. Lorenzo in Lucina, ha consegnato il titolo di soggiorno direttamente nelle mani del coraggioso cittadino che con il suo gesto, consentì ai Carabinieri della Stazione di Roma Centocelle, sopraggiunti dopo pochi minuti, di arrestare il rapinatore e di recuperare l’intero bottino.

La mattina del 26 settembre scorso, a seguito della segnalazione fatta al “112” dal responsabile del punto vendita, i Carabinieri accorsero sul posto ed ammanettarono il rapinatore – un romano di 37 anni, nullafacente, con diversi precedenti e sottoposto alla sorveglianza speciale – recuperando la mannaia utilizzata per compiere la rapina. Il bottino fu interamente recuperato e restituito al direttore del supermercato.

Il cittadino nigeriano che ebbe il sangue freddo di affrontare il rapinatore con la mannaia, nel frattempo, si era allontanato senza lasciare tracce di se. Le telecamere di sorveglianza dell’esercizio permisero ai Carabinieri di ricostruire le concitate fasi della rapina: dal momento in cui il rapinatore si diresse alle casse con il volto coperto da passamontagna, occhiali e casco minacciando con la mannaia i dipendenti per farsi consegnare il denaro, fino a quando, all’uscita dall’esercizio, incrociò l’eroe che lo affrontò.

Dopo un’iniziale scambio di parole tra i due, il cittadino nigeriano seguì il 37enne, lo disarmò, lo seguì fino allo scooter con cui stava per darsi alla fuga e con una mossa lo fece rovinare a terra, lo afferrò per il giubbotto, facendolo poi arrestare dai Carabinieri intervenuti.

Commenti

commenti

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*