mercoledì , 21 febbraio 2018

IL PROGRAMMA DI ZINGARETTI : DAL LAVORO ALL’AMBIENTE, 5 GRANDI TEMI

zinga

Lavoro, scuola, trasporti, salute e ambiente. Sono questi i cinque grandi temi al centro del programma elettorale di Nicola Zingaretti, candidato presidente per la Regione Lazio alle prossime elezioni del 4 marzo. I principali punti sono stati illustrati questa mattina, presso la Residenza di Ripetta, dal presidente uscente Zingaretti. In apertura dell’evento c’è stata la protezione di un video spot su tutti i traguardi raggiunti dall’attuale amministrazione regionale in questi 5 anni, con lo slogan ripetuto più volte anche dallo stesso Zingaretti “Per andare avanti, tutti”. In una sala gremita di suoi sostenitori, presenti anche il vicepresidente della Regione Lazio Massimiliano Smeriglio e diversi assessori regionali. “Il lavoro prima di tutto”, si legge nel programma. Un reddito di inclusione di 600 euro al mese per i ragazzi. È già partito il progetto “Riesco”: 600 euro al mese dal 2018 e per i prossimi anni ai ragazzi dai 18 ai 29 anni per migliorare competenze, professionalità e arricchire il proprio bagaglio culturale. Piu’ strumenti per conciliare il lavoro con la vita delle donne. “Aiuteremo – si legge – la nascita di microimprese femminili e garantiremo a tutte le lavoratrici piani di welfare, buoni per gli asili e asili nido aziendali e anche la possibilità di lavorare a distanza”. E ancora la riorganizzazione dei 36 centri per l’ impiego. La salute è un’altra priorità per Nicola Zingaretti. Quattro gli obiettivi evidenziati: abbattere le liste di attesa entro il 2019, garantendo entro un anno che il 90% delle visite e delle prestazioni
non urgenti e non programmate avvenga entro 60 giorni; garantire la qualità delle cure; 5000 nuovi operatori della sanita’ in cinque anni e il raggiungimento per il 2023 del numero di 500mila screening gratuiti per la prevenzione oncologica delle donne. In campo ulteriori risorse e progetti per continuare a migliorare il trasporto pubblico e la mobilita’ nel Lazio. Tra gli obiettivi ci sono il rinnovamento totale dei treni. “Abbiamo gia’ rinnovato l’ 83% dei mezzi sulle ferrovie del Lazio – ha ricordato Zingaretti nel corso del suo intervento – e arriveremo al 100% entro il 2020”. Sono previsti inoltre 500 nuovi bus per completare il parco mezzi e fare in modo che ci sia una corsa ogni 15 minuti negli orari di punta e ogni 30 nelle altre fasce orarie. Saranno anche stanziati 10 milioni di euro per muoversi nel Lazio con la bicicletta. 100 km di piste ciclabili, un nuovo sistema di ciclovie interconnessa alla rete ferroviaria. Nel programma di Zingaretti non viene trascurato il valore della
terra e dell’ ambiente. Tre i punti principali: 100 invasi per l’acqua piovana; attenzione ai rifiuti con riciclo e recupero per andare
verso un’economia circolare: 57 milioni di euro con cui i Comuni realizzeranno isole ecologiche, impianti di compostaggio e di autocompostaggio. Rinascita del Tevere grazie a un finanziamento di 30 milioni di euro: nuovi sistemi di depurazione, interventi di messa in sicurezza, tutela degli habitat naturali, navigabilità anche in ambito extraurbano. “Di fronte ai problemi delle persone ci sono due strade: cavalcare la rabbia oppure lavorare con concretezza, serietà e competenza per trovare le soluzioni migliori – ha sottolineato Zingaretti – È il nostro metodo, quello che ci ha guidato in questi 5 anni e che vogliamo portare avanti per continuare a cambiare la Regione, per costruire un Lazio più stabile, sicuro e competitivo. Una comunità – ha ribadito – dove tutte e tutti hanno pari opportunità e pari diritti, che lavora per migliorare il benessere e la qualità della vita delle famiglie, dei giovani, delle imprese”. Dagli asili alle scuole, fino all’alta ricerca: la formazione e’ in cima al programma di Zingaretti: 15 milioni di euro ogni anno per 5.000 posti in piú negli asili nido pubblici. “Dopo aver ristrutturato oltre 500 scuole e palestre in questi 5 anni, ne renderemo altre 500 più belle, più accessibili e più sicure. Inoltre, per facilitare l’attività di studio, ogni università pubblica del Lazio avrà un’aula 24 ore su 24. Zingaretti ha parlato anche di formazione e borse di studio per 100mila ragazzi. “Borse di studio, progetti formativi in Italia e all’estero, percorsi gratuiti nelle scuole di specializzazione e contratti per 500 ricercatori. Sono stati 80 mila in questi anni, – ha ricordato – arriveremo a 110 mila nei prossimi cinque continuando ad investire in diritto allo studio e nel progetto Torno Subito”.

Commenti

commenti

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*