mercoledì , 22 novembre 2017

DAL MIUR IL CORSO DI PRIMO SOCCORSO PER FORMARE GLI STUDENTI

PRIMO

È stato presentato presso il Miur, ministero dell’istruzione università e ricerca, il progetto di formazione sulle tecniche di primo soccorso, riservato alle studentesse e agli studenti delle scuole. Al tavolo dei lavori, il ministro dell’istruzione, Valeria Fedeli; Mario Balzanelli, direttore SC CO-SET 118 ASL Taranto e presidente della società italiana sistema 118 (SIS 118); Francesco Fedele, presidente della federazione italiana di cardiologia; Paolo Sciascia, dirigente dell’ufficio III della direzione generale per lo studente, l’integrazione e la partecipazione e Andrea Urbani -ministero della salute- direttore generale della programmazione sanitaria. Ha moderato l’evento il giornalista Franco Di Mare.
“Voglio dire che avvieremo il progetto a febbraio 2018. Un progetto che coinvolgerà tra i 4mila e i 4.500 studenti e studentesse e 13 province italiane. Si tratta di un’operazione importante, in cui i ragazzi e le ragazze saranno in grado di salvare vite umane – spiega il ministro Fedeli – Sperimentiamo dentro le scuole in modo da far diventare il progetto strutturale per l’anno scolastico 2018/2019, coinvolgendo tutte le scuole italiane. Non solo, vorrei che durante la fase della sperimentazione queste linee guida fossero allargate anche alle famiglie degli studenti coinvolti perché se ci riflettete quello che stiamo facendo è un’operazione civile, di cultura. Faremo anche formazione dei docenti, dall’inizio alla fine. Diventa un fatto civile della nazione”, conclude il ministro.
Assente all’incontro, presso la sala delle comunicazioni del Miur, il ministro della salute, Beatrice Lorenzin che ha inviato una lettera nella quale ha dichiarato che: “Oggi è una giornata importante, storica, è la chiusura di un cerchio virtuoso. Le regole di primo soccorso possono salvare molte vite umane. È necessaria istituire una cultura del primo soccorso tra i nostri giovani perché non si tratta solo di una questione di tecnica, ma anche di senso di civiltà”.
“Siamo qui per salvare vite umane”, ha affermato il presidente della società italiana sistema 118, Mario Balzanelli. Andrea Urbani, del ministero della salute ha invece asserito che:”Questa iniziativa avrà effetti moltiplicativi molto forti, potrà salvare la vita alle persone. Il ministero della salute non può che essere al fianco del ministero della scuola. È qualcosa che diventerà inarrestabile”.
Al termine dell’incontro è stata effettuata una dimostrazione pratica delle tecniche di primo soccorso ad opera degli studenti.

Commenti

commenti

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*