mercoledì , 22 novembre 2017

PER GLI IMPIANTI SPORTIVI NO PROFIT IN ZONE DEGRADATE LA COMPETENZA PASSA AI SERVIZI SOCIALI

CORVIALE

“L’assessorato è più volte intervenuto sull’argomento, sulle palestre scolastiche e sui centri sportivi municipali, come sottolineato dall’Anac, vanno distinte due categorie: la prima è l’affidamento di servizi, la seconda l’affidamento di appalti per servizi sociali. Se l’impianto genera un lucro saremo di fronte a una concessione di servizi, viceversa se non genera lucro ma è rilevante per l’amministrazione mantenere una struttura, come per esempio in zone senza palestre o servizi sportivi, necessarie per ragioni sociali nelle periferie urbanizzate selvaggiamente e abbandonate, si procederà  all’appalto per servizi sociali come regolato dal Codice degli appalti”.

Lo ha detto l’assessore allo Sport, Daniele Frongia, in apertura della seduta straordinaria del consiglio comunale convocato al fine di chiarire gli effetti del Codice degli Appalti (decreto legislativo 50/2016) sul sistema dell’impiantistica sportiva comunale e utilizzo delle palestre scolastiche

Commenti

commenti

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*