mercoledì , 22 novembre 2017

“L’ULTIMO SEGRETO DI LADY DIANA”, REGOLO SVELA I SEGRETI DELLA PRINCIPESSA PIU’ AMATA

Senza titolo-7

Sono trascorsi vent’anni da quando Lady Diana ci lasciava a seguito di un mortale incidente autostradale. Su di lei è stato scritto e detto di tutto, arricchendo una storia triste e complicata, con gossip che hanno reso la storia sempre avvincente e piccante. Mai nessuno però si era preoccupato di cogliere e svelare il suo lato più intimo, quella luce che l’ha guidata durante i giorni difficili dopo la rottura con il principe Carlo e che le ha permesso di abbracciare le grandi cause umanitarie come la battaglia anti-mine, il sostegno agli ammalati di Aids, ai senzatetto, ai bambini orfani e ammalati.

E’ stato Lucio Regolo, scrittore e autore di questo libro, a mostrare il cammino segreto percorso da Lady D, arricchito con una serie di testimonianze inedite che aiutano a comprendere l’evoluzione interiore della principessa, in cui giocarono un ruolo fondamentale alcuni grandi incontri. Tutto ebbe inizio con Giovanni Paolo II nel 1985, di cui disse agli amici “è stato il momento più sacro della mia vita, finora”; poi irruppe Madre Teresa. L’amicizia con la Santa di Calcutta la toccò nell’intimo e la spinse a un’altra visione della vita che la portò a mettersi del tutto al servizio dei deboli e degli ultimi la sua enorme ribalta mediatica.

Alla presentazione svoltasi sabato scorso, oltre all’autore del libro, erano presenti Don Antonio Rizzolo, direttore di Famiglia Cristiana, Padre Sebastian Vazhakala, Co-Fondatore dei Missionari della Carità di Madre Teresa mentre il ruolo da moderatrice è stato gestito da Lucia Ascione, giornalista e nota conduttrice del programma quotidiano “Bel tempo si spera” su TV2000. L’evento, organizzato dalla Fondazione Christian Cappelluti Onlus, si è svolto alla presenza del sindaco e delle autorità civili, militari e religiose del territorio.

Commenti

commenti

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*