venerdì , 19 gennaio 2018

ALLARME COAS MEDICI, “SOVRAFFOLLAMENTO DEL PRONTO SOCCORSO PER MANCANZA PERSONALE”

pronto-soccorso

 

“La riforma del Servizio Sanitario Nazionale del 1988 ha fissato numerose “regole” e presupposti ancora immodificati sotto molti aspetti; però negli ultimi 15 anni sono intervenute numerose norme di legge a cambiare molti aspetti lavorativi per la nostra professione. Soprattutto sono aumentati i “doveri” ma, di contro, sono stati ridotti i medici dipendenti da 132mila a 122mila (in progressiva ulteriore contrazione) attraverso il blocco del turn-over. Sono inoltre stati bloccati, sterilizzati e ridotti i Fondi da cui deriva una parte importante della retribuzione dei medici della dipendenza, è nettamente aumentato il volume di lavoro del singolo medico, sono aumentate le responsabilità, le difficoltà oggettive nel lavoro e il numero di utenti che si rivolgono all’ospedalità ed in particolare ai Pronto Soccorso, vista la crescente disaffezione nei Medici di Medicina generale”.

Questo è quanto afferma Alessandro Garau, segretario del sindacato CoAS Medici Dirigenti.

“Sicuramente i problemi della Sanità pubblica – continua ALESSANDRO GARAU – andranno aumentando se si spostano le risorse dal pubblico al privato, con la giustificazione del risparmio. Sappiamo bene che tutti i Sistemi Sanitari a prevalenza “privata”, dopo un iniziale risparmio, vengono a costare al contribuente molto più di un sistema pubblico. Da anni assistiamo impotenti ed inascoltati a questi cambiamenti significativi, senza poter interferire con le decisioni politiche assunte con diverse motivazioni, solitamente poi smentite negli effetti pratici dai fatti”.

Commenti

commenti

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*