martedì , 21 novembre 2017

Archivio della categoria: Giovani e Giovanissimi

INTERVISTA A BEATRICE FAZI: COME LA FEDE PUO’ CAMBIARE LA VITA

beatrice-fazi

Beatrice Fazi, oggi lei è un’affermata attrice, ma nella sua vita ha vissuto anche molte difficoltà che l’hanno portata a vivere l’esperienza della conversione. Può raccontarci la sua storia? Sono nata a Salerno, e il mio primo grande trauma è stato la separazione dei miei genitori. Mi sentivo di essere nata per errore, crollato il loro amore sono crollate le ... Continua a leggere »

GIANPIERO PERONE: “HOPE MUSIC SCHOOL OPPORTUNITA’ DI CRESCITA PERSONALE E PROFESSIONALE”

perone

Intervista a Gianpiero Perone, cabarettista e attore torinese, da anni impegnato al fianco dell’associazione Hope nel campo della formazione e degli eventi ecclesiali, come le Giornate Mondiali della Gioventù, Jubilmusic – Festival internazionale di Christian Music a Sanremo, l’accoglienza dell’incontro dei giovani con il Papa a Torino, occasioni in cui ha fatto sorridere, riflettere e anche commuovere. Nel 2014 è stato protagonista con Hope in piazza San Pietro nell’udienza speciale ... Continua a leggere »

CHIESA, HOPE: A ROMA DAL 17 AL 19 NOVEMBRE INCONTRO CON DELEGATI DIOCESI DELLA ROMANIA

Giulietti

Per la prima volta i delegati Pastorale Giovanile delle 12 diocesi rumene andranno anche a TV2000 per visitare gli studi. Mercoledì l’incontro con mons. Giulietti Un convegno di formazione per apprendere i criteri della comunicazione mass-mediale e dei new media per i sacerdoti e gli incaricati che si occupano di pastorale giovanile nelle 12 diocesi della Romania. E’ questo l’evento ... Continua a leggere »

IO, TU E IL MEZZO DI MEZZO

smartphone-cellulare-al-lavoro

Viviamo le relazioni con gli altri a tre diversi livelli di profondità: io-tu, io-e-i-tuoi-amici, io-medium-tu. Nel primo livello, io sono frontalmente presente a te e tu a me; nel secondo io incontro indirettamente, attraverso di te, le persone della tua sfera relazionale, i tuoi amici; nel terzo io non sono fisicamente presente a te, né tu a me, ma siano ... Continua a leggere »

EDUCARE AI TEMPI DI YOUTUBE SI PUÒ

1403086845_youtubelogo

“10 anni fa YouTube non esisteva”. L’ho detto ieri a mia figlia, classe 2000, che credeva fosse sempre esistito come un pianeta del suo sistema mediale, ma così è: YouTube è nato solo nel 2005 dalla mente di tre ex dipendenti di PayPal: Chad Hurley, Steve Chen e Jawed Karim. L’acquisto da parte di Google nel 2006 ha fatto diventare ... Continua a leggere »

PARLARE DI PUDORE SENZA PUDORE

miley-cyrus-wrecking-ball-prompts-university-to-remove-pendulum-statue

Una sconsolata insegnante di scuola media mi ha riferito che le ragazze della sua classe si esibiscono in atteggiamenti provocanti, nell’abbigliamento, nelle relazioni frontali e sui social network. In realtà, ho cercato di rispondere, le ragazze non sono così: le ragazze diventano così a causa di un humus culturale ed etico alimentato continuamente dal sistema mass-mediale, quello musicale in primis. ... Continua a leggere »

LA FATICA DELLA LIBERTA’ ARTISTICA

corso-di-musica-3

Quanti soggetti producono i tre quarti della musica mondiale? Che lo chieda durante le lezioni all’Università di Firenze o in occasione di una conferenza, la risposta più diffusa è “più o meno 100”. Questa percezione è però molto lontana dalla realtà, poiché i soggetti che producono il 75% della musica mondiale sono 3: Universal Music Group, Sony Music Entertainment e ... Continua a leggere »

PIÙ BALLO MENO SBALLO: UNA TERRIBILE MENZOGNA

discoteca

“Più ballo, meno sballo”: sono vent’anni che sento ripetere questo mantra quando un ragazzo muore di droga in discoteca.  Si tratta di una terribile menzogna, che, tradotta, significa: è possibile sballare un pochino, ma non troppo; è possibile andare in una discoteca fino alle 7 del mattino, ballare e uscire col sorriso sulle labbra, tirati a nuovo come dall’estetista; basterebbe ... Continua a leggere »

“MINITALENT”, SI RICOMINCIA…

hqdefault

Dopo alcune blande polemiche in chiusura di stagione, i “minitalent” si ripresentano nelle Tv italiane e lo spettacolo ricomincia: bambini delle elementari che fanno canzoni di consumati artisti adulti; bambine impuberi che danzano come navigate ballerine; adulti che giudicano, valutano, escludono in diretta e con i tele-voti. Così i “minitalent” finiscono per avere come protagonisti conduttori, giudici, autori, produttori, procuratori, ... Continua a leggere »